Foto Alpi

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday272
mod_vvisit_counterYesterday157
mod_vvisit_counterThis week598
mod_vvisit_counterThis month7564
mod_vvisit_counterAll588006

Banner Altervista

Fotografie e itinerario: Slovenska Planinska Pot|il sentiero alpino sloveno|Alpi Giulie|Julijske Alpe|monte Jalovec|XVIII|18ª tappa dal Koča pri Izviru Soče al Tičarjev dom na Vršiču|Zavetišče pod Špičkom|transversala|Triglavski narodni p

XVIIIª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: dal Koča pri Izviru Soče al Tičarjev dom na Vršiču La cima del monte Jalovec

     Album di fotografie e descrizione dell’itinerario della 18ª tappa del Slovenska planinska pot (sentiero alpino sloveno) il lungo percorso che dal mare Adriatico di Ankaran conduce a Maribor, attraverso la Slovenia, chiamato per questo motivo anche Slovenska planinska transversala (Traversata Alpina Slovena). In questa tappa si sale la prima delle grandi cime delle Alpi Giulie-Julijske Alpe: il monte Jalovec 2.645 m.

    ITINERARIO – Koča pri Izviru Soče (886 m.),  Planina Trenta (1.381 m), Zavetišče pod Špičkom (2.064 m), Jalovec (2.645 m), Tičarjev dom na Vršiču (1.620 m.)

    La diciottesima tappa è tra le tappe più faticose e tecnicamente più impegnative del Slovenska planinska pot. Lungo il suo itinerario si sale lo Jalovec, la montagna più affascinante delle Alpi Giulie, la quale, se come altezza è solo la sesta cima della Slovenia, ne è sicuramente la prima come bellezza, grazie al suo inconfondibile affilato profilo.
    Dal rifugio
Koča pri Izviru Soče 886 m. il sentiero entra nella parte più solitaria e suggestiva della  Val Trenta superiore (Zgornja Trenta), con il maestoso monte Bavški Grintavec a chiudere la vallata. E' questo sicuramente uno dei luoghi naturali più affascinanti e integri del Triglavski narodni park (Parco nazionale del Tricorno). Belle fattorie e splendidi prati accompagnano il primo tratto orizzontale del SPP N°1, fino all'inizio di un ripido tratto nel bosco che conduce alla Planina Trenta 1.381 m. Dalla malga si prosegue sempre sul ripido pendio boschivo fino ad un bivio, dove si continua verso sinistra (mentre a destra il sentiero prosegue in direzione del Preval Vršič (passo della Moistrocca). Lentamente un'erto zig-zag consente  di raggiungere il limite superiore del bosco, mentre la vista si apre sulle montagne circostanti. Il successivo tratto sale sui ghiaioni che scendono dalla caratteristica piramide del monte Špiček. 
    Circondati dall'ambiente classico delle Giulie, aspro, spoglio e di un bianco calcaree abbagliante si raggiungono le brillanti pareti rivestite di metallo del piccolo rifugio Zavetišče pod Špičkom 2.064 m. (tempo: 3,00h) La piccola costruzione è molto diversa dai lussuosi, rumorosi e frequentatissimi nuovi rifugi. Privo di acqua ed elettricità, senza una teleferica per i materiali, può essere considerato più che altro un ricovero … un vero rifugio insomma. Bellissimo il colpo d'occhio sulla sottostante Val Trenta e sui monti Prisojnik, Razor e  Triglav. Il rifugio costruito in un luogo isolato, lontano da paesi e strade, è raggiungibile soltanto con lunghi itinerari che contemplano notevoli dislivelli, ma proprio per questo, rappresenta il punto strategico per la salita allo Jalovec, lungo la via normale sul versante sud.

    Dal piccolo rifugio Zavetišče pod Špičkom, il sentiero inizia con una piccola discesa, per poi iniziare a salire in direzione nord, verso le pareti del Veliki Ozebnik, che vengono superate con il primo tratto di ferrata, che aiuta a superare un traverso su roccette e cenge. Si sale fino ad una conca (possibilità di trovare residui nevosi) dove arrivano anche i sentieri dalla Val Tamar e dal canalone Ozebnik. Si prosegue per gradoni e cenge, con l'aiuto di fittoni e gradini metallici e qualche tratto di cavo, che consentono di accedere alla panoramica cresta sud. La salita della cresta è molto impegnativa per l'esposizione, si procede sul suo filo con un percorso aereo, sempre più stretto, con le pareti che precipitano per un migliaio di metri, su entrambi i versanti della montagna. Un'ultima ripida traccia, con uno sviluppo a zig-zag, conduce infine alla cima del monte Jalovec 2.645 m. (Difficoltà: EEA/F –tempo: 2,30h - tot 5,30h) Superbo il panorama dalla sua vetta: vicinissima a nord la catena del Mangart/Ponze, verso oriente il massiccio della Mojstrovka e del Prisojnik, più lontani il Razor e il Triglav. Il colpo d'occhio prosegue verso sud con il monte Bavški Grintavec ed infine ad occidente, si potranno ammirare il Rombon, il Canin e il gruppo del Jof Fuart e del Jof di Montasio. Ammirando con emozione il panorama, si può comprendere la passione che Julius Kugy aveva per queste montagne: "..per quanti monti io abbia visto, niente eguaglia le Giulie..".

    Si rientra, lungo lo stesso percorso di salita (con attenzione!) al piccolo ricovero Zavetišče pod Špičkom, (Difficoltà: EEA/F – tempo: 2,00h - tot 7,30h) per iniziare la lunga traversata verso il passo Preval Vršič. Si ripercorre lo stesso ghiaione di salita sotto il rifugio, fino ad incontrare un primo bivio, dove si prosegue a sinistra per seguire con il sentiero SPP N°1. L'itinerario è caratterizzato da diversi sali-scendi su facile sentiero, alti sopra la Val Trenta. Quasi al termine della traversata si trova qualche passaggio elementare su roccette, agevolato da brevi tratti di cavo. L'ampio valico del Vršič con il rifugio Tičarjev dom na Vršiču 1.620 m. (tempo: 2,30h - tot 10,00h) è il punto d'arrivo della 18ª tappa.

    DIFFICOLTA' - La 18ª tappa del Slovenska planinska pot è "molto difficile" ed è consigliata solo ad escursionisti esperti e ben allenati. L'itinerario, molto lungo e con un notevole dislivello, presenta l'impegnativa salita al monte Jalovec. La via si svolge lungo pareti molto esposte, con passaggi impegnativi su roccette, dove spesso, per fare sicurezza, si trovano soltanto i caratteristici fittoni delle ferrate slovene. Obbligatorio l’uso dell’attrezzatura completa da ferrata (caschetto, imbrago e set da ferrata).
   
L'album fotografico è stato realizzato con il contributo di Daniela Perhinek e Franco Romano. 

  Vai alla galleria di fotografie:

Sui sentieri della XVIIIª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: dal Koča pri Izviru Soče al Tičarjev dom na Vršiču

18ª Tappa SPP: Koča pri Izviru Soče - Tičarjev dom na Vršiču

  salita discesa
Tempi: 6,00 h. 4,00 h.
Dislivello: 1.940 m. 1.150 m.
Sviluppo: 18 km.
Difficoltà: molto difficile, EEA - F  (scale difficoltà)

Salita al Zavetišče pod Špičkom   Salita al Zavetišče pod Špičkom

Cartografia

Planinska zveza Slovenije Jalovec-Mangart 1:25 000

Ed. Tabacco 1:25.000 Foglio 065 – Alpi Giulie Orientali

Salita al monte Jalovec   Salita al monte Jalovec

LINK
Tappa precedente: 17ª Koča pri Triglavskih jezerih-Koča pri izviru Soče
Tappa successiva: 19ª Tičarjev dom na Vršiču-Pogačnikov dom na Kriških podih
Menù - Slovenska planinska pot
AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità, esperienza e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. -  Copyright 2014-2019 ©Maurizio Toscano e ©MARASSIALP.