Foto Alpi

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday254
mod_vvisit_counterYesterday157
mod_vvisit_counterThis week580
mod_vvisit_counterThis month7546
mod_vvisit_counterAll587987

Banner Altervista

Fotografie e itinerario: Slovenska Planinska Pot|il sentiero alpino sloveno|Alpi Giulie|Julijske Alpe|monte Triglav|Tricorno|XX|20ª tappa dal Pogačnikov dom na Kriških podih al Triglavski dom na Kredarici|transverzala

XXª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: dal Pogačnikov dom na Kriških podih al Triglavski dom na Kredarici La Torre Aljaž sulla cima del Triglav

     Album di fotografie e descrizione dell’itinerario della 20ª tappa del Slovenska planinska pot (sentiero alpino sloveno) il lungo percorso che dal mare Adriatico di Ankaran conduce a Maribor, attraverso la Slovenia, chiamato per questo motivo anche Slovenska planinska transverzala (Traversata Alpina Slovena). In questa tappa si sale il "Re" delle Alpi Giulie-Julijske Alpe, la montagna più alta: il monte Triglav 2.864 m.

    ITINERARIO –  Pogačnikov dom na Kriških podih (2.050 m), Dovška Vratca (2.180 m.), Bovški Gamsovec (2.391 m.), forcella Luknja (1.756 m.), ferrata "Bamberg" alle Plemenice, Triglavska škrbina (2.660 m.), Triglav (2.864 m.), Triglavski dom (2.515 m.)

    La ventesima tappa è la più importante del Slovenska planinska pot, con la salita del monte Triglav. Della giovane repubblica slovena, è il monumento nazionale, la sua immagine si trova sulla bandiera nazionale e sulle monete, un mito per tutti gli sloveni, che devono salirlo almeno una volta nel corso della loro vita, e sulla cima ... devono ricevere il "battesimo" con il famoso "rito della vergata".
    L'itinerario della tappa è molto faticoso, difficile e dal notevole dislivello. (esiste un'alternativa a questo itinerario molto impegnativo, che evita la ferrata "Bamberg" e raggiunge la vetta del Triglav con un percorso più lungo ma più facile. Dalla Luknja attraverso i rifugi Tržaška koča na Doliču e Dom Planika pod Triglavom, 6h.
)

  L'itinerario riparte dal rifugio Pogačnikov dom na Kriških podih 2.050 m. ai piedi dei monti Razor e Planja. Il sentiero sale, verso est, tra sfasciumi, aridi valloncelli e gradini rocciosi, con splendida vista sui laghetti Spodnje e Zgornje Kriško jezero (lago inferiore e superiore, il lago più alto della Slovenia a 2.154 metri d’altitudine). Si raggiunge il passo Dovška vratca 2.176 m., una verde oasi nel deserto calcaree dell'altopiano del Kriz, si continua con una ripida traccia, che conduce alla cima del Bovški Gamsovec 2.392 m. (tempo: 1,15h) Dalla panoramica vetta, che offre uno spettacolare colpo d'occhio sulla parete nord del Triglav, inizia una ripida e articolata discesa, su terreno detritico, che conduce alla forcella Luknja 1.756 m. (Difficoltà: EE.- tempo: 1,00h.- tot 2,15h). Dall'angusta forcella inizia la dorsale rocciosa  Plemenice sul versante nord-ovest del Triglav. Lungo il suo ripido filo di cresta si sviluppa la ferrata "Bamberg". La via attrezzata inizia subito con il tratto più difficile per la verticalità e l'esposizione, si sale un'articolata parete, seguono alcuni camini e diedri dove si alternano brevi tratti attrezzati a passaggi da affrontare in arrampicata libera di I°+ grado. Arrivati ad una panoramica terrazza erbosa, si continua con una cresta e una serie di cenge, attrezzate con brevi tratti di cavo e con i fittoni (le caratteristiche barre di ferro, fissate verticalmente, frequenti nelle ferrate slovene). Terminata la cresta si raggiunge l'aspro altipiano carsico di Plemenice, dove si ammira una roccia dalla forma particolare che ricorda la Sfinge (Sfinga). Tra sfasciumi e ghiaie si prosegue nel deserto calcaree, osservando da lontano le rovine dell'ex caserma militare italiana Vittorio Emanuele III e della caserma Morbegno (ricordiamo che questa parte del gruppo del Triglav, nel periodo tra le due guerre mondiali, 1918-1943, rientrava nei confini del Regno d'Italia con il Trattato di Rapallo). Attraversato il ghiaione, si affronta l'ultima parte della salita.  Una serie di cenge (cavo) e un ripido ghiaione di sfasciumi, conducono alla Triglavska Škrbina 2.660 m., dove si trova un piccolo incrocio di sentieri (Dolič - Planika - Triglav). Si segue la traccia per la vetta, si salgono le facili roccette finali della montagna, ottimamente attrezzate, e alla fine si raggiunge la caratteristica Torre Aljaž sulla cima del Triglav (Tricorno) 2.864 m. (Difficoltà: EEA/F.- tempo: 4,30h.- tot 6,45h). Dal cuore del Triglavski narodni park (Parco nazionale del Tricorno), indimenticabile e grandioso il colpo d'occhio a 360° gradi su tutte le Alpi Giulie.
    Il nome del monte "Triglav", deriva dalla sua forma a tre punte, viene associato ad un dio slavo a tre teste ("tri", tre e "glava", testa), il quale secondo una leggenda era il signore dell'aria, dell'acqua e della terra ed aveva il trono fra le nubi delle montagne più alte delle Alpi Giulie.
    Dalla cima si scende con la ferrata, che aiuta a superare
alcuni gradini rocciosi e lisce placche, fino a raggiungere un'aerea cresta, straordinariamente panoramica, dove il cavo metallico è utilizzato come corrimano. La cresta termina sul Mali Triglav 2.725 m., da dove la via attrezzata scende con un'articolata paretina rocciosa e conduce la rifugio Triglavski dom na Kredarici 2.515 m. (Difficoltà: EEA - tempo: 1,15h - tot 8,00h)

     DIFFICOLTA' - La 20ª tappa del Slovenska planinska pot è "molto difficile" ed è consigliata solo ad escursionisti esperti. L’itinerario descritto è lungo e tecnico, da affrontare solo con un ottimo allenamento e un’adeguata preparazione tecnica. Diversi passaggi di I° non sono protetti, le creste sono molto esposte e richiedono passo sicuro ed assenza di vertigini. Obbligatorio l’uso dell’attrezzatura completa da ferrata (caschetto, imbrago e set da ferrata).

    Vai alla galleria di fotografie:

Sui sentieri della XXª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: dal Pogačnikov dom na Kriških podih al Triglavski dom na Kredarici

20ª Tappa SPP: Pogačnikov dom-Triglavski dom na Kredarici

  salita discesa
Tempi: 5,30 h. 2,30 h.
Dislivello: 1.450 m. 1.000 m.
Sviluppo: 12 km.
Difficoltà: molto difficile, EEA - F  (scale difficoltà)

Sulle creste del monte Triglav   Sulle creste del monte Triglav

Cartografia

1:25 000 Planinska zveza Slovenije Triglav

Ed. Tabacco 1:25.000 Foglio 065 – Alpi Giulie Orientali

LINK
Tappa precedente: 19ª Tičarjev dom na Vršiču-Pogačnikov dom na Kriških podih
Tappa successiva: 21ª Triglavski dom - Dovje
Menù - Slovenska planinska pot

Il Re delle Alpi: lo stambecco   Il "Re" delle Alpi: lo stambecco

AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità, esperienza e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. -  Copyright 2014-2019 ©Maurizio Toscano e ©MARASSIALP.