Foto Alpi

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday356
mod_vvisit_counterYesterday280
mod_vvisit_counterThis week1308
mod_vvisit_counterThis month636
mod_vvisit_counterAll557696

Banner Altervista

Fotografie e itinerario: Slovenska Planinska Pot|il sentiero alpino sloveno|undicesima|XI|11ª tappa da Bevkov vrh a Bolnica Franja|Ermanovec|ospedale partigiano di Franja|transverzala

XIª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: da Bevkov vrh a Bolnica FranjaLe colline di Cerkno

    Album di fotografie e descrizione dell’itinerario dell'11ª tappa del Slovenska planinska pot (sentiero alpino sloveno) il lungo percorso che dal mare Adriatico di Ankaran conduce a Maribor, attraverso la Slovenia, chiamato per questo motivo anche Slovenska planinska transverzala (Traversata Alpina Slovena). In questa tappa si continua la traversata delle Prealpi Slovene Occidentali-Zahodne Slovenske Predalpe (criterio SOIUSA), sulle colline Cerkljansko hribovje (Colline di Cerkno).

    ITINERARIO – Sovodenj (592 m.), Bevkov vrh (1.051 m.), Kladje (787 m.), Vrhovčev grič (1.048 m.), Pl. Koča na Ermanovec (968 m.), Vrhulce (814 m.), Bolnica Franja (575 m.)

        L'undicesima tappa riparte dal monte Bevkov vrh 1.051 m.. Per motivi d'organizzazione logistica, noi iniziamo dal paese di Sovodenj 592 m. che consente di raggiungere il Bevkov Vrh in circa un'ora e trenta minuti. Dalla cima si punta ad un grande ed evidente segnavia che indica la prosecuzione lungo una stradina forestale. Lungo la discesa si seguono, verso destra, alcune indicazioni che consentono di accorciare il tratto stradale, con una traccia discretamente ripida in un bel bosco. Con alcuni saliscendi si raggiunge la località di Kladje 787 m. (tempo: 1,00h), importante crocevia di strade della regione di Cerkno. Si continua in direzione est verso l’Ermanovec, con una lunga strada in leggera salita (circa cinque chilometri) parzialmente asfaltata. Il paesaggio è molto bello, tra case sparse, fattorie, campi coltivati, prati adibiti a pascolo e boschi si raggiunge una panoramica dorsale erbosa, le colline di Vrhovčev grič 1.048 m. Il colpo d'occhio è grandioso, a meridione le dolci colline di Idrja (Idrijsko hribovje) a settentrione, le vette più alte delle Prealpi Giulie Orientali (Vzhodne Julijske Predalpe), più' lontane le Alpi Giulie.. Planinska Koča na Ermanovcu
    Anche su questo crinale erboso si notano i cippi del vecchio confine del 1920 tra il regno d'Italia e il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni. Fu tracciato con il trattato di Rapallo, alla fine della Prima Guerra Mondiale, quando la regione di Idrija-Cerkno, fu annessa all'interno del nuovo confine orientale italiano. Nel 1947, dopo la sconfitta dell'Italia nella Seconda Guerra Mondiale, questo territorio passò sotto la sovranità della nuova Repubblica Federativa di Jugoslavia.
    La strada prosegue sempre verso est, in leggera discesa, fino alla
Planinska koča na Ermanovec 968 m. (tempo: 1,00h - tot 2,00h) Dal rifugio si ritorna indietro fino alle colline di Vrhovčev, dove si trovano le indicazioni per Bolnica Franja. Ancora stradine e sentieri nel bosco, con rare case sparse qua e là, un paesaggio incantevole fatto di verdi spazi infiniti. Lungo la discesa, si ammira la cima del monte Porezen, la destinazione della tappa successiva. Raggiunto il paese di Dolenij Novaki, con una strada asfaltata (tre chilometri) si raggiunge Bolnica Franja 575 m. (tempo: 3,00h - tot 5,00h)  

  Ospedale di Franja  La tappa relativamente "breve", consente di visitare l'importante ospedale partigiano di Franja, partizanska bolnica Franja, posto nella gola di Pasice. Fu un luogo di cura segreto attivo durante la Seconda Guerra Mondiale, nel periodo dal dicembre 1943 fino al maggio 1945. Oggi nella Repubblica di Slovenia è considerato un monumento di interesse nazionale, iscritto sulla Lista sperimentale del Patrimonio mondiale dell'Unesco.      

DIFFICOLTA' - L'undicesima tappa del Slovenska planinska pot è facile, discretamente faticosa, per la presenza di diversi sali-scendi.

 Vai alla galleria di fotografie:

Sui sentieri della XIª Tappa del Slovenska Planinska Pot, il sentiero alpino sloveno: da Bevkov vrh a Bolnica Franja

11ª Tappa SPP:  Bevkov vrh-Bolnica Franja  

  salita discesa
Tempi: 1,30 h. 3,30 h.
Dislivello: 380 m. 760 m.
Sviluppo: 17,5 km.
Difficoltà: facile, E  (scale difficoltà) escursione con diversi sali-scendi
Note: Nei dati non viene considerata la salita Sovodenj-Bevkov vrh

Cartografia

Škofjeloško, Idrijsko in Cerkljansko hribovje – Kartografija 1:40 000

LINK
Tappa precedente: 10ª Idrija-Bevkov vrh
Tappa successiva: 12ª Bolnica Franja-Petrovo Brdo
Menù - Slovenska planinska pot

 

NOTE STORICHE dell'ospedale partigiano di Franja

   L'ospedale partigiano Franja fu attivo durante la parte terminale della Seconda Guerra Mondiale, quando i partigiani sloveni iniziarono a combattere contro le forze di occupazione nazi-fasciste. L'esercito tedesco tentò in più occasioni di scoprire la posizione dell'ospedale, senza successo. Una particolarità della Resistenza slovena erano proprio gli ospedali segreti. Questi ospedali erano situati nelle foreste di difficile accesso, nei burroni con pareti a strapiombo e nelle grotte sotterranee. Nel 2007, l’ex ospedale è stato pesantemente danneggiato da un'inondazione causata dalle forti piogge ed è stato ricostruito nel 2010. Edificato dai partigiani sloveni all'interno di una profonda gola, l'ospedale fu operativo dal dicembre 1943 fino al maggio 1945. L'entrata era nascosta nella foresta, e l'ospedale poteva essere raggiunto soltanto attraverso dei ponti che venivano ritirati quando il nemico era nelle vicinanze. Al fine di preservare il livello di segretezza necessario per permettere all'ospedale di operare, i pazienti venivano bendati durante il trasporto; inoltre gli alberi e gli edifici mimetizzati impedivano agli aerei di vederlo. Il fondatore e primo costruttore fu Viktor Volčjak, ma l'ospedale assunse il nome del coordinatore, il medico Franja Bojc Bidovec, che vi lavorò a partire da febbraio 1944. Estremamente ben equipaggiato per una struttura clandestina, venne progettato per fornire cure e assistenza necessarie per un massimo di 120 pazienti alla volta, ma arrivò ad ospitarne fino a dieci volte tanto.

AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità, esperienza e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. -  Copyright 2014-2019 ©Maurizio Toscano e ©MARASSIALP.