Foto Alpi

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday175
mod_vvisit_counterYesterday460
mod_vvisit_counterThis week635
mod_vvisit_counterThis month4521
mod_vvisit_counterAll574036

Banner Altervista

Fotografie ed itinerario sul forte Sommo Alto|Strafexpedition|Alpe Cimbra|Museo all'aperto della Grande Guerra|Altipiano di Folgaria

Sui sentieri della Grande Guerra dell'Alpe Cimbra: il Forte Sommo Alto 1.613 m. Il Forte Sommo Alto

    Album di fotografie e descrizione della visita al Forte Sommo Alto (Zwischenwerk Sommo), Museo all'aperto della Grande Guerra. L'ex fortezza austro-ungarica si trova sull'omonima altura al centro dell'Alpe Cimbra, (Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna), nelle Prealpi Venete. Tutta la zona fu duramente coinvolta durante il primo anno della Prima Guerra Mondiale 1915-18. Oggi, la sua visita è molto interessante, non solo per l'alto valore storico ma anche per l'aspetto paesaggistico. Il Forte Sommo Alto, infatti, si trova in una posizione panoramica, che consente d'ammirare tutto lo splendido ambiente naturale dell'Altopiano di Folgaria.

    ACCESSO - Da sud: con l'autostrada A31 (Valdastico) si raggiunge l'uscita finale di Piovene-Rocchette. Si continua in direzione del paese di Arsiero e di Tonezza del Cimone. Attraversato il paese, si sale al Passo della Vena, in prossimità della Chiesetta di Restele, si devia a sinistra sulla S.P. 92 e si prosegue verso il Passo Valbona fino al Passo Coe, dove si parcheggia - Da est: Rovereto/Trento – Castel Beseno S.S.350 – Folgaria - Passo Coe.

   ITINERARIO - Dal passo Coe 1.599 m. si segue in salita una strada sterrata in direzione dei "Camini". La strada prosegue con lunghi tornanti, in direzione del rifugio Stella d'Italia. Con alcuni facili saliscendi si raggiunge ilForte Sommo Alto Forte Sommo Alto 1.613 m. (in tedesco Zwischenwerk Sommo). Splendida vista a 360° gradi su tutto l'altopiano di Folgaria. La fortezza presidiava la sottostante Val Orsara e la zona del passo Coe; aveva come funzione principale il collegamento dei forti Dosso delle Somme e Cherle. Subì pesanti bombardamenti dal Forte italiano di Campomolon, tra l'estate e l'autunno 1915 fu colpito da circa 1400 granate. Dopo i recenti lavori di restauro il forte si può visitare in sicurezza, dal tetto con i grandi crateri che contenevano le cupole girevoli armate con cannoni, all'interno con le lunghe gallerie e scalinate distribuite su tre piani.

Il rientro avviene lungo lo stesso percorso della salita.

 

Vai alla galleria di fotografie:

Sui sentieri della Grande Guerra dell'alpe Cimbra: il Forte Sommo Alto

Itinerario

Durata della visita:  2,30 h.
Dislivello salita/discesa: 50 m./50 m.
Difficoltà: facile 
Cartografia: foglio n. 57 - Levico-Altipiano di Folgaria, Lavarone e Luserna  - Tabacco 1:25.000

NOTE STORICHE del Forte SOMMO ALTO

  La fortezza costruita tra il 1911 e il 1914, fu progettata inizialmente come caserma fortificata, e in corso d'opera trasformata in forte. Faceva parte delle "Fortezze dell'Imperatore" che comprendeva i forti  austro-ungarici Spitz Vezzena, Busa Verle, Cherle, Belvedere, Luserna e Dosso delle Somme. Era priva di fossato, ma con un articolato sistema di difesa, costituito da una rete di trincee, reticolati e campi minati, per la difesa da eventuali attacchi della fanteria italiana.  Il forte Sommo Alto era di medie dimensione, di supporto e collegamento per i forti Dosso delle Somme e Cherle  per questo motivo era armato soltanto di due obici da torre da 100 mm. e da diciotto mitragliatrici.

Duramente colpito durante il primo anno della Grande Guerra, durante la "Guerra dei Forti", dopo la Strafexpedition nel maggio-giugno 1916, il forte si ritrovò lontano dal fronte e cadde in oblio. Nel novembre del 1918 il capitano Kalifius si rifiutò di arrendersi e lanciò tutto il suo arsenale impedendo ai soldati italiani di avvicinarsi.  

AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsbilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. - © Copyright 2016 MARASSIALP.