Foto Alpi

Foto Trekking

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday107
mod_vvisit_counterYesterday147
mod_vvisit_counterThis week1111
mod_vvisit_counterThis month3409
mod_vvisit_counterAll308972

Banner Altervista

Fotografie: escursione alle cascate di Martuljek e al bivak III Za Akom|via attrezzata|ferrata|Alpi Giulie

ALPI GIULIE - Le cascate di Martuljek e il Bivak III "Za Akom" 1.340 m. I monti di Martuljek

     Album di fotografie e descrizione dell'itinerario, della salita alle cascate di Martuljek e al bivacco III, nei pressi della zona chiamata "Za Akom". Le Alpi Giulie in territorio sloveno, mostrano il loro versante più bello verso nord, con le ripide pareti settentrionali che scendono nell'alta valle della Sava. Da questa, iniziano diverse valli secondarie che si avvicinano ai piedi dei giganti di calcaree delle Giulie, il Mangart, lo Jalovec, il Prisojnik, la Škrlatica e naturalmente il loro "Re": il Triglav. Tra queste si trova la valle di Martuljek, che sale ai piedi del monte Špik. Lungo il suo corso si possono ammirare due spettacolari cascate, un gioiello dell'ambiente alpino sloveno, inoltre superati i salti d'acqua, con un percorso leggermente più impegnativo si raggiunge un bivacco, sito in uno dei posti più selvaggi delle Alpi Giulie.  Breve descrizione: 

    ACCESSO - Il punto di partenza dell'escursione è il paesino di Gozd Martuljek ad est del famoso centro turistico di Kranjska Gora, in Slovenia. Dall'Italia, la località si raggiunge con due vie: da est, raggiunta la cittadina di Tarvisio (UD), si supera il confine di stato a Fusine (Rateče), si attraversa Kranjska Gora e si raggiunge il paese di Gozd Martuljek; da sud, con l’autostrada Trieste-Lubiana-Jesenice (A2), si esce all’uscita n° 1 (prima del tunnel delle Caravanche), si attraversano i paesi di Mojstrana e Belca e superato il ponte sulla Sava, si raggiunge l’ampio parcheggio, punto di partenza dell’escursione.

     ITINERARIO - Dal parcheggio di Gozd Martuljek 750 m. si ammira l'imponente catena montuosa di Martuljek o di Špik, sottogruppo della catena della Škrlatica (criterio SOIUSA). Diversi pannelli informativi indicano l'inizio del sentiero (N° 6), si prosegue con una larga carrareccia che entra in una bella foresta, di cui è ricca la verdissima valle della Sava, da qui l'origine del nome del paese, Gozd (bosco) Martuljek. Dopo pochi minuti si raggiunge l'inizio del Parco, istituito già nel 1949 per proteggere la valle e le cascate, e oggi inserito nel Parco Nazionale del Triglav. Al primo bivio, si segue a sinistra la segnalazione "Slap 1- 2", per entrare nel canyon creato dal torrente Martuljek. Si continua per circa mezzo chilometro all'interno della gola, sovrastata da verticali pareti di roccia calcarea, alte oltre cento metri. Raggiunta un'ansa del torrente, dove sulle ghiaie gli escursionisti costruiscono piccoli "omini di pietra", il sentiero inizia a salire e attraverso alcune passerelle e una lunga scala metallica raggiunge un ponte, da dove si può ammirare la cascata inferiore (Spodnji Martuljkov slap), formata da due salti, rispettivamente alti 29 e 25 metri (mezz'ora dalla partenza). Il sentiero continua a salire a fianco della cascata, offrendo visioni affascinanti sull'impetuoso salto d'acqua. Rientrati nel bosco si raggiunge un altro bivio, che consente a chi si accontenta d'ammirare soltanto la cascata inferiore, di rientrare velocemente, con una strada sterrata, al parcheggio.

 La nostra proposta segue invece l'indicazione "Slap 2", che continua con un sentiero, discretamente ripido all'interno del bosco. Superata la deviazione per il punto di ristoro "pri Ingotu", (che visiteremo al ritorno) il sentiero conduce, dopo circa mezz'ora, al bivio tra la cascata superiore e il sentiero che porta al Bivacco Za Akom. Si continua a sinistra con un breve tratto in salita, raggiunto un piccolo pulpito roccioso, inizia una breve discesa, attrezzata con cavetto "corrimano", che termina sul greto del torrente. Superato un ponticello metallico, all'improvviso si presenta l'altissima cascata superiore (Zgornji Martuljkov slap). Straordinaria opera della natura, la cascata scende con tre salti, lungo una parete verticale alta più di 110 metri. Per avvicinarsi ulteriormente alla cascata, esiste una facile e breve via attrezzata che sale a sinistra dal vertiginoso salto. La possibilità di trovare rocce bagnate e l'esposizione consiglia l'uso del set da ferrata. Il cavo d'acciaio consente di salire a fianco della cascata e superare i primi due salti, lungo un'articolata crestina rocciosa, fino al bordo del laghetto che si forma alla base del salto più alto. Osservare dal basso il tratto di caduta ininterrotta dell'acqua, alto circa 40 metri, è uno spettacolo magnifico. Si ritorna indietro, con lo stesso percorso, fino al bivio precedente, per seguire a destra l'indicazione "Za Ak" per il Bivacco III.

La salita continua con un ripido pendio nel bosco, discretamente faticoso, per circa una ventina di minuti, fino alla base di una parete rocciosa. Una passerella con travi di legno, indica l'inizio del breve tratto attrezzato che consente di aggirare sulla sinistra, l'articolata ed esposta parete di roccia e una piccola liscia placca, proprio sopra il ripido salto della cascata, osservato in precedenza dal basso. Terminate la breve via attrezzata, un'ultima rampa nel bosco conduce al Bivak III a 1.340 m. Il bivacco è posto in cima di un piccolo colle erboso ed è circondato da un fitto bosco di alberi ad alto fusto. Per osservare le alte vette dei monti di Martuljek, bisogna scendere dalla parte opposta del colle, direzione sud, e in pochi minuti raggiungere un grande circo roccioso, chiamato Za Akom. Dall'ampio anfiteatro roccioso s'innalza un'imponente cornice rocciosa, formata dalle pareti Nord dei monti Na Pečeh, Mala e Velika Ponca, Oltar, Široka peč e Kukova špica. Posto straordinario, dove batte forte il cuore selvaggio delle Alpi Giulie. 

Percorso in discesa un breve tratto dell'infinito catino roccioso (seguire con attenzione i bollini rossi che rientrano nel bosco… altrimenti si finisce sopra la cascata !!), si ritorna indietro, lungo lo stesso percorso di salita, fino alla malga "pri Ingotu" (un tempo Lipovčeva Koča). La costruzione si trova ai bordi di una verdeggiante valletta, con una ricca fioritura di Botton d'oro in tarda primavera, e consente d'ammirare un panorama molto ampio sui monti di Martuljek, compresa la slanciata piramide del monte Špik. Molto caratteristica è anche la visita della cucina all'aperto, ricostruita come le Planine di un tempo, con tanti utensili originali. Dalla malga si continua la discesa, raggiunto il bivio con la cascata inferiore si continua a sinistra, con una ripida carrareccia che in circa trenta minuti riporta al punto di partenza, il parcheggio del paese di Gozd Martuljek 750 m.

 Vai alla galleria fotografica:  Le cascate di Martuljek e il Bivak III

Sintesi     tempi/dislivello 

Cascate di Martuljek e bivak III Za Akom

 Itinerario salita  discesa 
 Tempi : 2,30 - 3,00 h   1,30 h  

Dislivello:       

685 m.  685 m. 

Difficoltà:       

 EEA  (scale difficoltà)

Sviluppo tot.     

 10 km.

La cascata superiore di "Za Akom".  La cascata superiore (Zgornji Martuljkov)

DATA salita:

21 maggio 2017 

Cartografia:

Kranjska Gora z Oko-liko 1:25000 

BREVI NOTE STORICHE del monte Špik

 L'impressionante parte Nord del monte Špik, alta quasi mille metri, venne salita la prima volta dalla celebre guida ampezzana Angelo Dibona  con Anna Escher, nel 1925.

Bivak III

AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. - © Copyright 2017 MARASSIALP.