Foto Alpi

Foto Trekking

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday133
mod_vvisit_counterYesterday150
mod_vvisit_counterThis week424
mod_vvisit_counterThis month2808
mod_vvisit_counterAll297129

Banner Altervista

Fotografie ed itinerari: Prima Guerra Mondiale 1915-18|Altopiano di Asiago|musei all'aperto della Grande Guerra

Sui sentieri della Grande Guerra dell'altopiano di Asiago Grande Guerra: l'altopiano di Asiago

    Album di fotografie ed itinerari, dei Musei all'aperto della Prima Guerra Mondiale, sull'altopiano di Asiago, nelle Prealpi Vicentine. Assieme al massiccio del Pasubio ed agli Altopiani di Folgaria e di Lavarone faceva parte della zona chiamata "saliente Trentino". Dal 1866, dalla fine della Terza guerra d'indipendenza, questo territorio (corrispondeva all'incirca all'attuale provincia di Trento) era rimasto all'Impero Austro-ungarico e geograficamente era un "cuneo" che penetrava profondamente sul suolo del Regno d'Italia. Per questo motivo fu aspramente conteso durante la Prima Guerra Mondiale. Fu uno dei pochi punti, lungo tutto il fronte, che vide i due eserciti combattere senza interruzione, per tutti i quarantuno mesi del conflitto. Fu testimone di una delle più grandi battaglie svoltasi in montagna nella storia dell'uomo, l'operazione austriaca "Strafexpedition" nel maggio-giugno 1916, quando si fronteggiarono quasi un milione di uomini. Successivamente nel 1917 vide, prima il sanguinoso attacco italiano verso il margine settentrionale, terminato con il calvario italiano del monte Ortigara e successivamente la nuova offensiva austriaca a seguito della disfatta di Caporetto, bloccata in extremis con la battaglia dei "Tre monti". Infine nel 1918 l'epilogo finale, con lo sfondamento del Piave, la disordinata ritirata austriaca e la vittoria finale italiana di Vittorio Veneto. 

Oggi l'altopiano di Asiago è di nuovo un'oasi di pace, il vento di distruzione della guerra, che rase al suolo i paesi e devastò i boschi è soltanto un triste ricordo, rimangono cinquecento chilometri di strade e di sentieri (l'unica eredità positiva del conflitto) che consentono di visitare, in un contesto naturale incontaminato, tutti i siti delle grandi battaglie, all'interno di un immenso museo all'aperto della Grande Guerra.  

  • ASIAGO - il Sacrario militare di Asiago ed il forte Interrotto.

  • Forte PUNTA CORBIN - Museo all'aperto del Forte italiano.

  • Monte CENGIO - Sentiero storico "la Granatiera", dove fu bloccata la "Strafexpedition".

  • Monte ORTIGARA - Sentiero storico "il Tricolore", sul monte testimone del sacrificio degli alpini.

  • Monte VERENA (forte)   - Museo all'aperto del Forte militare italiano della Grande Guerra.