Foto Alpi

Foto Trekking

Foto Grandi salite

Cerca la montagna

Cartoline d'epoca

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday131
mod_vvisit_counterYesterday121
mod_vvisit_counterThis week800
mod_vvisit_counterThis month3184
mod_vvisit_counterAll297505

Banner Altervista

Fotografie ed itinerari Grande Guerra|Fotografie del fronte isontino|escursione e descrizione Museo all'aperto|Prima Guerra Mondiale|Pot Miru

Sui sentieri della Grande Guerra del fronte isontino - I Musei all'aperto Grande  Guerra sul fronte isontino

       Album di fotografie e descrizione degli itinerari nei luoghi dove si combatterono le battaglie più significative della Prima Guerra Mondiale lungo il fronte dell'Isonzo. All'inizio della Grande Guerra tra il Regno d'Italia e l'Impero austro-ungarico, lungo i primi 450 km del confine, dall'Ortles-Cevedale alle Alpi Giulie sul fronte alpino, la natura del terreno, prevalentemente montuoso, non permetteva di condurre grandi battaglie in campo aperto. Per perseguire l'obiettivo di sfondare le difese austro-ungariche, agli italiani rimanevano gli ultimi 80 chilometri del confine, dalle Alpi Giulie all'Adriatico: il fronte isontino. L'importanza strategica di questo settore era ben noto ai Comandi degli imperiali, che prepararono la difesa schierando le divisioni più efficienti e fortificando le ripide sponde del fiume Isonzo, con tre baluardi: a sud, il monte Hermada, al centro il monte Sabotino e a nord il monte Rombon (Gruppo Canin). Contro questo "muro" difensivo, l'esercito italiano riversò la maggior parte delle risorse, durante i primi ventotto mesi della Grande Guerra, durante Undici terribili battaglie più la decisiva Dodicesima (Caporetto). Battaglie di inaudita violenza costate ai contendenti 300.000 caduti e 100.000 dispersi.

    Oggi, la maggior parte della valle dell'Isonzo si trova nello stato della Slovenia. Dal 2007, alcuni dei siti più importanti della guerra, sono usciti dall'oblio grazie al lavoro di recupero del Progetto transfrontaliero italo-sloveno "Pot Miru " (Sentiero della Pace), che ha creato diversi Musei all'aperto. Inoltre sono state seguite le tracce della Grande Guerra anche sulle cime più alte, con impegnative escursioni. Infine con facili sentieri sono stati scoperti gli straordinari scenari naturali del fiume Isonzo, dall'intenso color verde smeraldo.

Sorgenti Isonzo Monte Rombon Museo Ravelnik e Čelo Monte Stol Museo Zaprikraj Museo Caporetto-Kobarid Museo Kolovrat Gole di Tolminka Museo Mengore Museo Vodice Museo Sabotino Museo Brestovec Museo Monfalcone Cartina Grande Guerra sul fiume Isonzo  

AVVERTENZA. Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità e del buon senso. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. - E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione -Tutti i diritti riservati. - © Copyright 2016 MARASSIALP.