La lunga cresta del monte Oberkofel ALPI CARNICHE - Salita con le ciaspole sul monte Oberkofel 2.034 m.

    Galleria di fotografie e descrizione della salita invernale con le ciaspole, racchette da neve, sul monte Oberkofel a Sauris. Le montagne delle Alpi di Tolmezzo (sottogruppo delle Alpi Carniche) sono caratterizzate da vette prative e ampie radure, d'inverno si prestano per belle "ciaspolate". Tra queste troviamo la dorsale erbosa che fa da spartiacque tra la Valle di Sauris e la Val Pesarina, a nord del paese di Sauris, con le montagne Oberkofel e Morgenlait, che si possono salire in un'unica giornata.  Gli itinerari sono quasi tutti classificati facili o di media difficolta' (in relazione alla quantità di neve), ma la presenza di ripidi scivoli erbosi, dove si possono formare delle valanghe spontanee, non consente sempre di concatenare le due cime. Per questo motivo le due montagne sono presentate separatamente.

        ACCESSO - Con l'autostrada Alpe-Adria (A23), uscita Carnia (UD), si raggiunge Tolmezzo. Dal paese si prosegue con la SS 52, si attraversa Villa Santina, fino alla località di Ampezzo. Dal centro si devia per Sauris, si risale la valle dil Lumiei, con una strada lunga e tortuosa, fino a raggiungere la diga e il lago di Sauris. Si continua in salita e superato Sauris di Sotto, si raggiunge Sauris di Sopra dove si parcheggia. 

    PERCORSO - Dal paese di Sauris di Sopra 1.395 m., inizia la salita invernale con le ciaspole lungo una carrareccia (sentiero CAI 204-3c). Una serie di lunghi tornanti consente di salire all'interno di un bel bosco fino alle ampie radure alle pendici della Sella Festons 1.860 m. Prima di raggiungere l'ampia forcella, si risale sulla sinistra il ripido versante est del Monte Festons 1.934 m.
    D'inverno non si segue il sentiero
CAI 206, che taglia a mezzacosta le pareti meridionali della dorsale Festons-Oberkofel, poichè i ripidi pendii sono soggetti al pericolo di valanghe.
    Raggiunta la cresta, si prosegue sulla larga dorsale e si attraversa tutta la sommità del monte Festons, osservando le spettacolari formazioni di neve modellate dal vento, chiamate sastrugi. Alla fine della sommità si presenta una ripida discesa che rappresenta il punto più delicato dell'intera escursione. Dopo avere valutato le condizioni del manto nevoso, si scende per iniziare una serie di faticosi sali-scendi che seguono l'andamento della dorsale, fino alla cima del monte Oberkofel 2.034 m. Vetta molto panoramica, si ammirano: a sud il Bivera-Clapsavon, ad est le lontane Dolomiti ampezzane infine a nord le Dolomiti Pesarine con la Cresta di Enghe, i Monti Clap, il Siera, la Creta Forata e il monte Cimon.
    Si ritorna indietro per lo stesso itinerario fino alla sommità del monte Festons, da dove (con molta attenzione !!!) si scende sul versante nord, fino ad intercettare la traccia sottostante del sentiero
CAI 205. Lo si segue in direzione ovest, all'interno di un paesaggio invernale fantastico, che conduce alla casera Rioda 1.784 m.

    DISCESA - Dalla casera Rioda si rientra alla sella Festons ripercorrendo il sentiero CAI 205. Raggiunto il solare valico si può valutare l'eventuale prosecuzione verso la cima del monte Morgenlait. Il rientro a Sauris si effettua percorrendo lo stesso itinerario seguito in salita, con la possibilità di alcune scorciatoie nel bosco.

    ATTREZZATURA TECNICA - La classica dotazione per escursioni invernali: ciaspe, bastoncini, ghette, l'ARTVA, la pala e la sonda. Consigliati i ramponcini.

    DESCRIZIONE DIFFICOLTA' - Salita invernale di media difficoltà sulle Alpi Carniche con le ciaspole, racchette da neve, sui Monti di Sauris, con la salita del monte Oberkofel. Il vento di "stau", frequente in queste zone, può creare qualche difficoltà, soprattutto sulla cresta.

    Vai alla galleria fotografica:

   Salita con le ciaspole al monte Oberkofel 

 

 

 

                                             torna alla HOME PAGE di  LOGO MARASSIALP

Tempo  salita: 3,00 h  
Tempo  discesa: 2,15 h  

Dislivello salita:       

840 m. 

Dislivello discesa:

850 m. 

Difficoltà:       

media 
Sviluppo: 8,5 km.

Verso la casera Rioda Verso la casera Rioda

CARTOGRAFIA

Ed. Tabacco 1:25.000    Foglio 02 Forni di Sopra - Sauris 

DATA escursioni:

28 gennaio 2007
28 febbraio 2021

-

Altre "ciaspolate" in zona :

Monte MORGENLAIT

IMPORTANTE: Chi affronta gli itinerari descritti in questo sito lo fa sulla base della propria capacità, esperienza e del buon senso. Le indicazioni riportate si riferiscono allo stato del percorso al momento in cui l'escursione è stata effettuata, in caso di ripetizione bisogna pertanto verificare preventivamente lo stato e la percorribilità dell’itinerario. Gli autori declinano ogni eventuale responsabilità. Anche l'escursionista con le ciaspe è soggetto al rischio valanghe! Non bisogna lasciarsi ingannare dal percorso agevole: il giudizio "facile" non è sinonimo di "sicuro". L'utilizzo e il corretto uso dell'ARTVA (assieme alla sonda ed alla pala) è fortemente consigliato all’escursionista invernale,  il quale deve anche conoscere i temi fondamentali della sicurezza, conoscere i meccanismi della formazione del manto nevoso e delle valanghe. Ed inoltre, prima di ogni escursione invernale, bisogna consultare (sempre !!) il bollettino nivometereologico. www.aineva.it  

Modalità per chiamare il Soccorso Alpino

ITALIA : 118

SLOVENIA: 112

AUSTRIA: 140

 AVVERTENZA -. E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione. Tutti i diritti riservati. © Copyright 2021 MARASSIALP